SOCIAL MEDIA MARKETING

 SOCIAL MEDIA MARKETING

Il Social media marketing è uno strumento utilizzato da imprese e professionisti con lo scopo di interagire in modo efficace con gli utenti e quelli che sono potenziali clienti. Questo tipo di marketing viene effettuato appunto attraverso l’utilizzo dei social media come le pagine Facebook aziendali, Instagram, Twitter, Pinterest ecc…
Lo sviluppo di questo strumento da un punto di vista lavorativo, è reso possibile dal fatto che la diffusione preponderante dei social network ha fatto comprendere l’utilità e la reale efficacia nel mondo del business.

Molti tra coloro che utilizzano i social media per ottenere risultati soddisfacenti, in realtà, non lo fanno in modo ottimale, perché spesso si improvvisano senza saper come creare una strategia efficace, senza avere programmato degli obbiettivi e ancora peggio, senza conoscere in modo adeguato i social stessi. Gli improvvisati non conoscono il grado di interazione dei social con gli utenti, perdendo la possibilità di pubblicizzare il brand, di generare fedeltà ad esso e di far aumentare le vendite e i profitti.
Oggi, finalmente, tantissime aziende hanno compreso il ruolo centrale dei media per intercettare i clienti e fidelizzarli; per questo si affidano sempre più spesso a delle figure professionali chiamate Social media manager.
Coloro che desiderano addentrarsi nel settore del social media marketing e trarne ottimi risultati anche in termini di guadagno, devono conoscerne le basi, capirne il funzionamento, quali sono gli investimenti di tempo, denaro e risorse umane.

Cos’è il Social media marketing

Innanzitutto, è bene chiarire che il Social media marketing è un settore del marketing digitale applicato ai social network che sfrutta i media, appunto, per generare engagement e social sharing, in modo tale da aumentare sia la visibilità e sia la popolarità di un brand, di un professionista, di una marca, di un prodotto o un servizio.
Il Social media marketing include la promozione e la vendita, la generazione di nuovi contatti con un fine commerciale (lead) e l’aumento di traffico su un sito dedicato a un brand e la conversione di utenti in clienti.
Il Social media marketing è un ramo del Social business, il quale include tante altre forme di marketing, come il Sem, il SMO, il SMA, il social ads oltre al social selling, al social customer service ecc…

Cos’è un Social media manager

Abbiamo accennato al fatto che il social media manager è una figura professionale sempre più ricercata da imprese e professionisti che lavora sui social e gestisce piattaforme in base alle necessità. Egli è capace di creare e di curare un progetto e si pone degli obbiettivi, i quali possono mutare in base alla realtà di fronte alla quale si trova ad operare.
Ciò che rende la figura un professionista, a differenza di coloro che intraprendono azioni pressoché a caso, è il fatto che egli metta in atto delle consapevoli strategie studiate e ponderate, attraverso le proprie azioni. Si tratta di una persona creativa, competente in materia, che ha maturato una determinata formazione ed esperienza.
Il social media manager si occupa dell’organizzazione delle attività svolte sui diversi social network, nel lungo periodo. Questo esperto infine traduce in azioni concrete di community manager, di digital advertising manager, di web copy ecc… quelle che erano mere le strategie adottate sui social media.

Cosa fa un social media manager

Alcune delle mansioni principali del social media manager riguardano:

  • lo studio e la creazione di contenuti e strategie di social media marketing per un brand, un’azienda un professionista ecc… dopo aver compreso il target al quale rivolgersi e aver stabilito degli obbiettivi precisi. Egli cura le piattaforme e pondera in modo preciso e chiaro in quale modo i social network a lui facenti capo possano essere proposti agli utenti. Facebook, Linkedin, Instagram, Twitter ecc… hanno diversi linguaggi tra loro e un pubblico differente: entrambi devono essere conosciuti dal social manager. Quest’ultimo deve essere in grado di definire un piano editoriale differente per ogni social network, gestendo gli snodi che si possono creare intorno all’azione.
  • accordandosi con il cliente, il manager redige dei piani editoriali social, valutando i contenuti migliori da pubblicare e la frequenza con cui farlo;
  • una volta pubblicati i post, il professionista ne monitora l’andamento e le interazioni ricevute; nel caso in cui si renda conto di non avvicinarsi agli obbiettivi prefissati, saprà intervenire per modificare la strategia;
  • egli agisce prontamente nel caso in cui si verifichino urgenze: può accadere, ad esempio, che un brand sia criticato online o sia mal recensito ed in casi come questi, egli deve saper intervenire riducendo il più possibile il danno;
  • egli si occupa della discussione della gestione del pubblico, poiché quando i numeri crescono e ad esempio, una pagine Facebook diviene un canale di customer care, potrebbe essere utile la creazione di una community manager. Il social media manager, a questo punto, interagirà con gli utenti rispondendo a messaggi e commenti, in modo da rafforzare il legame con il brand e sarà presente per rispondere tempestivamente nel caso in cui vengano posti dubbi o domande.

Come diventare un social media manager?

Per diventare un vero social media manager, innanzitutto è indispensabile intraprendere un percorso formativo. È indiscutibile il fatto che, nel mondo del digitale, per comprendere le varie dinamiche sia fondamentale sporcarsi le mani, usare gli strumenti e capirli. Questo non può però prescindere di dover studiare attraverso libri, blog, webinar, corsi, meeting, master specifici ecc… La formazione è un passaggio imprescindibile per avere padronanza della materia a 360°.
Sia mentre si sta facendo formazione sia dopo, è molto importante essere a contatto con un ambiente legato al social media marketing. Fare gavetta in una web agency o con un professionista, farà la differenza. Quando si avrà la possibilità, sarà fondamentale cercare di succhiare tutta la conoscenza da chi ha esperienza, da chi ha qualcosa da insegnare. Per intraprendere questo passaggio, che è di per sé determinante, a volte occorrerà avere l’umiltà di accettare di essere poco retribuiti.
Le basi sono gettate dalla formazione e la strada prosegue con l’esperienza fatta con la gavetta, tuttavia per diventare un esperto nel settore del social marketing, un manager dovrà anche fare esperienza professionale. Occorrerà osare, fare, sbagliare, magari aprendo una pagina Facebook e mettendo lì dentro tutte le competenze apprese.
Il settore digitale in generale e il campo del social media marketing nello specifico, sono in continuo cambiamento, non c’è un vero e proprio punto di approdo ed è per questo che bisognerà avere voglia di fare formazione quotidiana e continua.
Prima di intraprendere questo tipo di percorso, è infine giusto domandarsi se si possiedono determinate caratteristiche, che vanno oltre quelle che sono le competenze più tecniche.
Per diventare social media manager bisogna domandarsi:

  • se i social siano qualcosa che appassiona realmente e se si utilizzano spesso;
  • se si ama l’interazione con le persone;
  • se si sanno gestire gli imprevisti con razionalità e lucidità:
  • si si è di indole creativa;
  • se si trova piacevole aggiornarsi costantemente sui mutamenti e le frequenti novità presenti nei social;
  • se il livello di conoscenza della lingua italiana è abbastanza alto da non permettere errori durante la creazione dei testi da postare.

Se dunque si nutre una passione tale che porta a usare piacevolmente e spesso i social e a volerne capire il funzionamento, di certo l’ideale sarà di approfondire la conoscenza dell’affasciante mondo del social media marketing.

Emanuele

POST CORRELATI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.